LA ROCCA AL SICURO: iniziati i lavori per la messa in sicurezza della Rocca Medioevale di Arquata del Tronto

LA ROCCA AL SICURO: iniziati i lavori per la messa in sicurezza della Rocca Medioevale di Arquata del Tronto

Cinque mesi per mantenere in vita il patrimonio storico culturale di Arquata del Tronto. Iniziati i lavori per la messa in sicurezza della Rocca di Arquata del Tronto, simbolo della resistenza di un territorio duramente colpito dalle scosse telluriche del 2016 e del 2017 che hanno segnato le Marche e, in particolare, la provincia picena. La gravità delle condizioni in cui imperversa la Rocca di Arquata del Tronto è stata sottolineata anche dall’Arch. Domenico Cardamone, funzionario della Sovraintendenza dei Beni Culturali e responsabile del procedimento, che ha constatato come le scosse telluriche del 2017 abbiano peggiorato la già critica situazione in cui si trovava la Rocca Medievale dopo il sisma del 24 agosto 2016. Con estrema urgenza la nostra impresa è stata chiamata ad intervenire e per i prossimi mesi ci occuperà della messa in sicurezza dell’unica Rocca Medioevale della Regione Marche che conserva ancora la sua struttura originaria e che, tra il fra il 1420 ed il 1435, fu anche residenza della regina Giovanna d’Angiò. Diversi i crolli e le sconnessioni a cui faremo fronte. Le coperture interne e le mura di sommità della Rocca hanno ceduto a causa del crollo delle merlature ghibelline del Torrione esagonale e del Mastio quadrangolare. Quella che ai tempi era la “torre di comando”, punto di controllo e avvistamento strategico sull’intera vallata, non ha retto all’intensità delle sollecitazioni e ha subito anche una retro-traslazione. Lesioni anche ai passanti e alle mura di cinta, dove lo spanciamento delle parti sommitarie delle mura ha causato anche l’espulsione dei materiali. I crolli hanno riguardato anche le caditoie delle mensole di camminamento di ronda e le murature...