Bonus e agevolazioni fiscali 2016: una casa alla portata di tutti

Bonus e agevolazioni fiscali 2016: una casa alla portata di tutti

State pensando di comprare casa e volete informarti sulle detrazioni fiscali che possono agevolare il vostro acquisto? Volete sapere se ci sono bonus per quel lavoro di ristrutturazione che hai in mente da tempo? Siamo qui per aiutarti! La Legge di Stabilità 2016 ha portato sgravi ed incentivi a coloro che vogliono intraprendere un percorso importante come quello dell’acquisto o di ristrutturazione di una casa. In alcuni casi si tratta di misure già in vigore, rinnovate anche per il 2016 come, ad esempio, proroga dei bonus edilizi, per il resto fra le ultime possibilità c’è la possibilità di detrarre dall’irpef il 19% dei canoni di leasing versati fino al 2020 per l’acquisto o la costruzione di un immobile da adibire ad abitazione principale; oppure la possibilità di detrarre il 50% dell’IVA pagata nel 2015 e nel 2016, per l’acquisto di immobili a destinazione residenziale di classe energetica A o B, che sono stati ceduti dalle stesse imprese costruttrici. Ma vediamo nel dettaglio le novità per il 2016. 1) ACQUISTO DELLA CASA DA COSTRUTTORE Il soggetto privato che, entro il 31 dicembre 2016 procede all’acquisto della propria casa da un’impresa costruttrice ha la possibilità di detrarre dall’IRPEF il 50% dell’IVA versata. Si tratta di una detrazione fiscale che andrà ripartita in un arco temporale di 10 anni. Attenzione, però, perché l’agevolazione viene applicata limitatamente alle unità immobiliari che risultano avere destinazione residenziale, di classe energetica A o B. 2) BONUS / AGEVOLAZIONI PRIMA CASA C’è già da qualche tempo, quella delle agevolazione sull’ Iva per l’acquisto della prima casa resta una delle più importanti. Si tratta di uno sconto del 4%...
Impresa Sparti: al primo banco nell’edilizia scolastica

Impresa Sparti: al primo banco nell’edilizia scolastica

Sicurezza, miglioramento sismico, accessibilità ed ecosostenibilità: sono questi gli ultimi diktat del Governo in materia di edilizia pubblica e scolastica; è infatti notizia di questi ultimi giorni l’arrivo di altri fondi dedicati all’adeguamento strutturale e antisismico degli edifici scolastici e per la costruzione di nuovi plessi che andranno a sostituire quelli esistenti a rischio. L’edilizia scolastica è una delle priorità dell’attuale Governo – che sta investendo circa 4 miliardi di euro sulla sicurezza nelle scuole finanziando 3.655 cantieri – ma anche dell’Impresa Sparti, che si sta muovendo in questa direzione.   Riduzione del rischio sismico: un opera in tempi record Con un pizzico di orgoglio possiamo dire, che fra i cantieri già conclusi dall’inizio del piano d’azione del decreto sulla #buonascuola all’avvio dell’anno scolastico 2015-2016 c’è anche uno dei nostri cantieri: la scuola primaria “Infanzia San Secondo” di Città di Castello (PG). Quello che era un intervento di riduzione del rischio sismico si è trasformato in una vera e propria impresa che ha donato la possibilità ai giovani studenti della cittadina umbra di intraprendere l’anno scolastico in un ambiente rinnovato e in piena sicurezza! L’edificio scolastico, realizzato a cavallo tra il ‘76 e ‘77 con la tecnica della prefabbricazione con strutture a pannelli-parete, era ormai obsoleto e per il Comune di Città di Castello era prioritario salvaguardare l’incolumità dei suoi piccoli cittadini, certificando l’idoneità della struttura ad ospitare quotidianamente attività scolastiche. Il 29 giugno 2015, ad appalto aggiudicato, abbiamo intrapreso gli interventi strutturali per il consolidamento e per la riduzione del rischio sismico come richiesto dall’OCDPC n.52 del 20 febbraio 2013 e, in soli 2 mesi e mezzo, siamo...